Dopo 10 anni di affidamento alla cooperative
stop alla sperimentazione nelle mense
di dieci carceri italiane

Documenti e rassegna stampa degli articoli dei giornali e delle trasmissioni radio più interessanti.

Terra e Domus

Il 25 ottobre abbiamo aperto nel cuore di Roma, di fronte alla Colonna Traiana e ad un passo da Piazza Venezia, TERRA E DOMUS, storico locale di degustazione e vendita di prodotti della Provincia di Roma

Sabrina Ferilli a Terre e Domus

Nella settimana dal 10 al 14 novembre TERRA E DOMUS ha ospitato la troupe di IO E LEI che ha girato all’interno del locale alcune scene del film di Maria Sole Tognazzi. Nel cast anche Sabrina Ferilli che si è lasciata fotografare con la solita gentilezza e simpatia insieme al nostro giovanissimo (e felicissimo!) staff, anch’esso presente in alcuni momenti della pellicola.

Detenuti chef per un appuntamento
del Semestre europeo a guida italiana.

Lunedì 27 ottobre alla Casina Valadier di Villa Borghese, in occasione del convegno internazionale organizzato da Olaf (Ufficio europeo per la lotta anti frode) quattro detenuti della casa circondariale di Rebibbia, dipendenti della Cooperativa sociale "Men at work", hanno contribuito, dalla cucina, alla riuscita dell'evento.

Catering

All’interno della Casa Circondariale Rebibbia Nuovo Complesso, la cooperativa Men at Work ha realizzato la ristrutturazione di alcuni locali ricavandone ex novo un modernissimo centro cottura dedicato a committenti esterni, sempre impiegando detenuti nella lavorazione.

Tradizionalmente all’interno degli Istituti di Pena il principale “datore di lavoro” delle persone recluse è la Direzione del Carcere. Nel 2003 si inizia per la prima volta a pensare che queste attività interne possano essere affidate a soggetti esterni: le cooperative sociali.

Inserimento lavorativo



Continua a leggere

Giustizia minorile

Da novembre 2013 Men at Work realizza un progetto per conto del Centro di Prima Accoglienza del Dipartimento di Giustizia Minorile di Roma…

Rom

La cooperativa Men at Work ha realizzato il progetto di ‘l’educazione e l’inclusione lavorativa di persone del circuito penale appartenenti alla comunità Rom‘…

Adempimenti Legge 68 sui disabili

Grazie al progetto ‘Disabili al lavoro’ è stata realizzata l’attività di incrocio ottimale tra le aziende soggette all’obbligo di assunzione delle persone disabili…

Invia la tua richiesta

Contattaci per informazioni sui nostri servizi

Rassegna Stampa

  • Letteratura e carcere: nasce la nuova collana “Il vagabondo delle stelle”

    Copertina_Pierangeli-Verde

    Dall’introduzione di Fabio Pierangeli (direttore di collana). Vorremmo evitare parole inutili o retoriche presentando, con questo primo volume, la collana Il vagabondo delle stelle, ispirata, per una certa affinità di tematiche, all’omonimo romanzo di Jack London. Non racconteremo come nasce l’idea della collana, il lettore troverà tutto quello che cerca nei fatti narrati negli articoli presenti nel libro.

  • Il Papa a Rebibbia “Il sovraffollamento è una doppia pena”

    Il Papa ha trascorso la domenica mattina – 18 dicembre – nel carcere di Rebibbia. E’ stato accolto dal ministro della Giustizia Paola Severino, dal capo del dipartimento della polizia penitenziaria Franco Ionta, dal direttore del penitenziario Carmelo Conte e dai cappellani del carcere, don Sandro Spriano e don Roberto Guarnieri. Entrato nella Chiesa del nuovo complesso della casa circondariale, il Papa ha ricevuto il saluto del ministro: “Se aiuteremo la barca di nostro fratello ad attraversare il fiume, anche la nostra barca avrà raggiunto la riva”, ha detto Paola Severino, leggendo la lettera che un detenuto le ha consegnato nel penitenziario di Cagliari.

  • «Strudel speciale per il Pontefice»

    Avvenire, domenica 18 dicembre 2011, pagina 6 di Pino Ciociola Uno strudel particolare, dedicato proprio a lui, come… scoprirà oggi Benedetto XVI. È questa la sorpresa che gli hanno preparato per oggi i detenuti di Rebibbia che lavorano nella cooperativa Men at work. Oltre a tanti altri doni e, su tutti, i prodotti che realizzano: «Tutte cose assai semplici e umili, ma che faranno però capire al Papa le capacità che sono state raggiunte », spiega Luciano Pantarotto, responsabile di Men at Work, appunto la cooperativa che a Rebibbia (insieme alla cooperativa E-team) mette a disposizione dei detenuti la possibilità d’imparare un mestiere e poterlo continuare anche usciti dal carcere.