Inserimento lavorativo di persone detenute nel settore della ristorazione

Inserimento lavorativo di persone detenute nel settore della ristorazione

Senza categoria l

Tradizionalmente all’interno degli Istituti di Pena il principale “datore di lavoro” delle persone recluse è la Direzione del Carcere. Nel 2003 si inizia per la prima volta a pensare che queste attività interne possano essere affidate a soggetti esterni: le cooperative sociali.

La gestione della cucina centrale dei detenuti nella Casa Circondariale “Rebibbia Nuovo Complesso” nasce nel 2003 a seguito del PEA 14 e di una selezione che ha individuato come soggetto in convenzione le cooperative sociali Men at Work e E-Team in A.T.I. Il PEA 14  prevede l’affidamento del servizio di preparazione pasti  ad un soggetto esterno, con l’obiettivo di migliorare la qualità dei pasti, garantire l’assunzione dei lavoranti formati con l’applicazione del CCNL delle Cooperative sociali e attivare processi di inserimento lavorativo e sociale all’esterno per i detenuti per i quali sussistano le condizioni di legge. L’A.T.I. ha iniziato il servizio preparazione pasti organizzando in contemporanea corsi periodici di formazione dei detenuti che richiedono  di lavorare  in cucina.

Oltre ai corsi di addetto di cucina della durata di oltre 120 ore, propedeutico all’inserimento al lavoro, sono stati realizzati corsi di pizzaiolo con associazioni di categoria di rilevanza  nazionale. Tramite i corsi sono state formate  figure professionali ricercate nel mondo del lavoro, trovando occupazione all’esterno.

Nel Centro cottura nel tempo è stato possibile attivare un servizio di  produzione di  prodotti di sopravitto (lasagne, polli arrosto, pizze, cornetti e muffin) destinati alla vendita a favore dei detenuti e familiari in visita presso l’Istituto. Inoltre nel corso del 2010 la cooperativa ha realizzato la ristrutturazione di alcuni locali non utilizzati e la realizzazione ex novo di un centro cottura dedicato a committenti esterni  per la preparazione di catering e buffet. Tra l’altro, il servizio di Catering ha servito la festa delle Fiamme Azzurre, il rinfresco per la Festa del Corpo di Polizia Penitenziaria, i generi di gastronomia per i bar gestiti dalla stessa cooperativa. Inoltre è stata gestita la refezione scolastica in tre centri estivi nel secondo municipio.

In sintesi gli obbiettivi perseguiti dal progetto sono: il miglioramento della qualità  del vitto tramite formazione del personale e applicazione di  processi produttivi ormai consolidati nelle campo delle attività alimentari. Infatti tutto il personale che è inserito al lavoro in cucina  viene appositamente formato con corsi di 120 ore nel settore della ristorazione collettiva. Ogni anno sono previsti almeno tre corsi di formazione rivolti a 60 persone, per l’opportuno ricambio del personale lavorante.

La riprova dell’effettuazione che tali processi vengano applicati con rigore è il mantenimento della certificazione di qualità rilasciata dalla Bureau Veritas nel servizio preparazione pasti detenuti Rebibbia Nuovo Complesso.